Un´estate al mare nella Germania del Nord

9 08 2013

Incantevoli località balneari, atmosfera marittima e isole idilliache…
Desiderate un po´ di relax in uno “Strandkorb”, guardare i gabbiani che volano sull´acqua e osservare il mare che, attraversato da bianche vele, si fonde con il cielo? Allora la vostra meta ideale non può che essere la Germania settentrionale, in una delle località balneari sul Mare del Nord o sul Baltico.

Se la vista del mare blu e di lunghe spiagge candide farebbe pensare a qualche meta esotica, davanti a uno “Strandkorb” non ci sono dubbi: siamo in Germania!

La spiaggia di Travemünde con itipici Strandkorb.  (c) LTM_Bernd Schmidt

La spiaggia di Travemünde con itipici Strandkorb. (c) LTM_Bernd Schmidt

Lo “Strandkorb” è un po´ l´equivalente tedesco dell´ombrellone con la sdraio. Ma come mai è così diverso da tutto ciò a cui siamo abituati? La spiegazione è molto semplice: la nobildonna Elfriede von Maltzahn era solita trascorrere le sue vacanze sulle spiagge del mar Baltico, ma con l´avanzare dell´età e i reumatismi, passeggiare sulla sabbia non era proprio l´ideale. Nel 1882 si rivolse quindi a un mastro cestaio, tale Wilhelm Bartelmann, al quale chiese di trovare una soluzione al suo problema: trascorre ore sulla sabbia, comodamente seduta e al riparo dal vento e dai raggi solari troppo forti. Bartelmann accettò questa “sfida” e ideò il primo “Strandkorb”, una speciale poltroncina da spiaggia con tettuccio reclinabile. Il successo fu immediato!
Oggi le spiagge tedesche sono costellate da centinaia di queste poltroncine. Osservandone la forma, se ne riconosce la provenienza: se è arrotondata e arcuata, arriva dalla costa baltica, mentre la forma squadrata è tipica del Mare del Nord. Ma il bello dello “Strandkorb” è che consente anche un minimo di intimità per il sonnellino pomeridiano dei bimbi o, perché no, per ammirare un romantico tramonto in dolce compagnia. Inoltre, sta benissimo anche nel giardino di casa. Desiderate acquistarne uno? Nella manifattura di “Strandkorb” di Willi Trautmann sull’isola di Sylt si producono a mano questi pregiati pezzi d’arredo da quasi 60 anni.
Ma non tutti sono tipi da spiaggia. In questo caso, cosa fare? A dire il vero, non c´è che l´imbarazzo della scelta: il Wattenmeer, quella striscia di fondale che rimane scoperta con la bassa marea, consente di fare incantevoli passeggiate guidate durante le quali scoprire anche tantissime curiose informazioni su questo habitat così particolare, e soprattutto sui suoi abitanti.
Tramonto sul Wattenmeer

Tramonto sul Wattenmeer

Il Parco Nazionale Wattenmeer dello Schleswig-Holstein è un´oasi naturalistica per uccelli in via di estinzione, che vengono qui a covare. Le escursioni proposte sono tantissime, tra cui una gita in barca a Friedrichskoog, dove è possibile osservare dal mare colonie di foche nelle loro divertenti attività. Nel Parco Nazionale Wattenmeer della Bassa Sassonia, sull´isola frisone orientale di Borkum si possono invece visitare la nave-faro e vedere uno scheletro di balena intero.
I cutter per la pesca dei gamberetti sono l´emblema di Greetsiel. Il porto storico ne è sempre pieno e, i più mattinieri, possono svegliarsi presto, andare ad acquistare il pesce appena pescato e, sul molo, sgusciarsi i gamberetti che, mangiati così, hanno tutto un altro sapore!
I fari sono un elemento caratteristico delle coste, e quelle tedesche sono costellate da queste costruzioni spesso dipinte a righe bianche e rosse. Molte coppie d’innamorati scelgono di scambiarsi il fatidico sì proprio in queste strutture così affascinanti e particolari. Se il matrimonio non rientra nei vostri programmi, in alcuni fari si può anche pernottare.
I fari: ovunque sulle coste del Nord. © Sylt Marketing_Ellenbogen_List

I fari: ovunque sulle coste del Nord. © Sylt Marketing_Ellenbogen_List

Chi opta per il Roter Sand, nei pressi di Bremerhaven, dopo una traversata un po´avventurosa si troverà senza corrente e segnale del telefonino: proprio come i guardiani del faro di un tempo!
Tra le caratteristiche delle località balneari baltiche ci sono i lunghi pontili che protendono sul mare anche per centinaia di metri e che, ogni anno in estate, ospitano allegre feste. Molto particolare è quella che si svolge alla fine di luglio a Sellin, sull´Isola di Rügen. Qui, il pontile di 340 metri nel 1998 è stato ricostruito in legno secondo il modello originale.
Se siete amanti o semplicemente affascinati dai velieri, non potete perdere l´appuntamento con la famosa Hanse Sail,
Velieri alla Hansesail. Archiv Hansesail lutz zimmermann

Velieri alla Hansesail. Archiv Hansesail lutz zimmermann

che si svolge a Rostock nella prima metà di agosto (quest’anno: 8-11 agosto 2013): un´occasione straordinaria per ammirare antichi velieri e partecipare a una grande festa.
Nella Germania settentrionale, si possono fare vacanze letteralmente sull´acqua anche nella splendida regione dei laghi del Meclemburgo che, con oltre 1000 laghi interconnessi, ben si presta per trascorrere emozionanti vacanze in houseboat circondati da paesaggi incantevoli e sempre diversi.
Se non avete la vostra bici, potete sempre noleggiarne una in loco per approfittare dei fantastici sentieri ciclabili nella regione dei laghi, per avere una visuale del panorama dalla terraferma e visitare i paesi e le cittadine che non sempre magari consentono l´attracco.
Anche la fascia costiera vera e propria offre infinite possibilità di essere scoperta sulle due ruote, seguendo il proprio ritmo, fermandosi sugli argini per godersi il panorama. I cicloturisiti “fatti e finiti” possono scegliere di viaggiare lungo i percorsi più noti, come quello del Mar Baltico che si snoda per 1095 km tra Flensburg e Ahlbeck/Usedom, solo a tratti collinoso e adatto anche ai bambini. Dimezzando le distanze, si può optare per il percorso Amburgo-Sassintz/Rügen, passando per Lubecca: solo 520 km, anche questi adatti anche ai più piccoli. Anche il Mare del Nord propone magnifici itinerari tra i prati salati e gli argini, per ammirare panorami mozzafiato da punti altrimenti difficilmente raggiungibili.

Per saperne di più, visita il sito http://www.germany.travel





Sulla via del ritorno

6 07 2012

Malmö – Goslar – Bad-Wildbad, 2 – 6.07.  Il 2 luglio la Svezia ci saluta con un bel sole quando ci imbrachiamo sul traghetto che ci porta a Sassnitz, sull’isola tedesca di Ruegen, famosa tra l’altro per le incantevoli rupi cretacee che dal mare si vedono in tutto il loro naturale splendore. Da qui iniziamVerso la Germaniao la nostra discesa verso Milano. Dopo la prima parte in statale, a Rostock decidiamo di prendere l’autostrada per accorciare un po’ i tempi. Ci fermiamo a dormire a Goslar, ma i chilometri da percorrere sono più di 500. Siamo arrivati sul territorio tedesco con il sole, che però a un certo punto ci lascia e, tanto per non farci mancare nulla, prendiamo anche un bell’acquazzone. Erano troppi giorni che viaggiavamo all’asciutto?

Superata la regione dei laghi del Meclemburgo, che meriterebbe innumerevoli soste, attraversiamo parte del Brandeburgo, dove qua e la vediamo piccole “selve” di pale eoliche. Non mancano neppure gli appezzamenti di terreno ricoperti di pannelli fotovoltaici, e ci viene spontaneo domandarci perché in Italia vi siano ancora così pochi impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Iniziamo finalmente a vedere le pendici dello Harz, massiccio amato da Goethe e famoso come luogo di La piazza di Goslarritrovo delle streghe. Giungiamo a Goslar, dove il palazzo imperiale e la miniera Rammelsberg sono patrimonio dell’umanità tutelato dall’UNESCO. Ma noi restiamo incantati da tutto il centro storico con le sue splendide case a graticcio e un antico portico in legno. Oggi qui si è svolto il campionato di orienteering della categoria senior e arrivare in albergo è un po’ complicato a causa delle strade chiuse. Non vediamo l’ora di toglierci di dosso la “divisa” da motociclisti, fare una bella doccia e andare a mangiare qualcosa.

L’albergatore ci consiglia un ristorante di cui ho già sentito parlare, famoso per l’atmosfera e le specialità regionali, soprattutto a base di selvaggina. Entriamo nel locale, il proprietario ci chiede se siamo solo in due e, alla risposta affermativa, ci “rimbalza” – come direbbe mio figlio – e lo fa anche in modo piuttosto antipatico e arrogante. E non è che io abbia problemi a esprimermi in tedesco o a capire la lingua!Non ci resta che andare altrove. Il menù non è niente di eccezionale, ma si sta facendo tardi e siamo stanchi. Ciò nonostante, dopo cena facciamo una breve passeggiata prima di tornare in albergo, situato in un edificio del Cinquecento, che emana un gran fascino e, in più, la nostra camera è proprio romantica (con il pavimento un po’ inclinato, ma anche questo fa parte della sua autenticità).

3 luglio. Ci svegliamo presto e, confidando nel tempo che non sembra troppo minaccioso, dopo colazione puntiamo verso Gottinga, dove ci immettiamo sulla strada 27 che abbiamo percorso in parte anche durante l’andata e che ci era piaciuta molto. Niente traffico, bei panorami ampi, castelli sulle colline, in alcuni tratti viaggiamo in una sorta di “tunnel” formato dalle chiome dei grandi alberi ai lati del nastro d’asfalto. Potrebbe essere parte della Strada tedesca dei viali alberati. Non manca qualche cartello un po’ particolare (attenzione a non andare a sbattere contro gli alberi) che ci fa sorridere. L’idea di percorrere un itinerario alternativo a quello stabilito la sera precedente non è proprio felice. Passiamo per luoghi incantevoli, ma allunghiamo la strada di parecchio.

Arriviamo a Bad Wildbad, nella verdeggiante Foresta Nera, alle sei passate. Meno male che adesso ci fermiamo qualche giorno a casa di amici e, anche grazie alla presenza di due centri termali, possiamo rilassarci. Io lo so, che quando rientrerò a Milano riprenderannIl magnifico Karlsbad a Bad Wildbado i ritmi frenetici, quindi questi sono momenti preziosi di cui voglio godere appieno. Comprese le piacevoli chiacchierate sul divano dopo cena.

6 luglio. Dopo il grande acquazzone di ieri, che ci ha tenuti in ostaggio sotto i portici per quasi due ore, dando un’occhiata alla previsioni decidiamo di posticipare il rientro a domani… le condizioni meteo dovrebbero essere migliori, soprattutto in Svizzera. Oggi è prevista acqua a catinelle ovunque! Questa mattina ce la prendiamo con molta calma e facciamo una bella passeggiata in paese. Quando siamo venuti l’anno scorso, ormai questa è quasi una seconda casa per noi, la funicolare che dal centro porta in cima al Sommerberg era chiusa per lavori. Le carrozze storiche sono state sostituite, come parte delle rotaie, e noi decidiamo di fare un giro “in quota”. Peccato per la solita nuvoletta dispettosa.

Le borse sono pronte, stiamo decidendo se passare da Basilea o da Sciaffusa, ma una cosa è certa: domani si rientra a casa!