Dolomiti di Zoldo: Su’n Paradis tra neve e fiaccole

6 02 2014

IMG-20140117-00638Ci sono sere che restano particolarmente nel cuore e non sono necessariamente di momenti passati con la propria dolce metà. Per me una di queste è quella trascorsa al rifugio Su’n Paradis con i compagni e gli organizzatori del blogtour in Val di Zoldo. La neve copiosa caduta durante la notte e la giornata che sta volgendo al termine ha rivestito tutto di uno spesso manto candido rendendo il paesaggio fatato… e la ciaspolata fino al rifugio Carestiato un po’ stancante, pertanto concordiamo di modificare il programma. Saliamo in cabinovia da Pecol a Pian del Crép  e poi, invece di fare un’altra breve ciaspolata per raggiungere la nostra meta, optiamo invece per percorrere l’ultimo tratto a bordo del gatto delle nevi, servizio offerto dal simpatico gestore del rifugio.

IMG-20140117-00636Ci uniamo agli sciatori che attendono trepidanti l’apertura serale dell’impianto per scendere sulle 2 piste ben battute e ci godiamo la risalita passando tra gli alberi che regalano qualche scorcio sugli invitanti pendii classificati rosso (Cristelin) e nero (Foppe) – senza alcun riferimento calcistico. Anch’io sono in tuta da sci, mi sono portata gli scarponi e ho noleggiato gli sci perché per niente al mondo avrei rinunciato alla possibilità di farmi una bella discesa – la prima della stagione – per riguadagnare la valle. Giunti in vetta, dopo qualche minuto di attesa sotto grandi fiocchi di neve vediamo avvicinarsi le luci del gatto guidato da Diego che, come uno steward provetto, posiziona la scaletta per farci salire e IMG-20140117-00653quando tutti sono a bordo, si rimette nei panni del capitano e va ai comandi: si parte! Anche un bel giro su questo mezzo durante una fitta nevicata notturna lungo un bella pista tra i boschi ha il suo fascino e noi entriamo subito nell’atmosfera della serata. Niente però ci ha preparato all’immagine che si presenta ai nostri occhi: all’esterno il Su’n Paradis imbiancato è illuminato dalle fiaccole che bruciano tra la neve alta. Sembra davvero di essere in una fiaba. Chissà cosa ci attende all’interno! Attraversiamo gli ambienti ampi e accoglienti del rifugio per andare nella Stube dove un lungo tavolo è stato apparecchiato con grande cura. Dopo qualche minuto di “scatto selvaggio” prendiamo posto per gustare un’ottima cena a base di prodotti biologici e a chilometro zero preparata dalla bravissima Lucietta.

IMG-20140117-00672Buon cibo, buon vino e buona compagnia: le chiacchiere fluiscono facilmente e la serata trascorre forse troppo velocemente, come del resto sempre accade quando si sta bene e si è rilassati. Alzando lo sguardo scopro un particolare “intrigante”: due cupole trasparenti poste sul soffitto che, se durante il giorno illuminano la sala, la sera offrono uno scorcio sul cielo stellato. Ma non è il caso di questa sera. Dobbiamo affrettarci perché alle 11 scatta l’ora X: l’impianto chiude e non si può più scendere. Il “gattone” delle nevi ci riporta in vetta e chi ha sci e scarponi si prepara per la discesa, mentre gli altri tornano a valle in cabinovia… Non hanno idea di cosa si perdono!

IMG-20140117-00680Tanta bella neve, piste praticamente deserte e perfettamente illuminate: cosa posso desiderare di più? Forse fare qualche altra discesa. Ma poiché “chi si accontenta gode”, mi gusto appieno il piacere di disegnare le mie prime curve della stagione sul pendio candido. Come tutte le cose belle, anche questa sciata finisce troppo velocemente ed è già ora di tornare in albergo. Arrivederci Pecol.  Dolomiti di Zoldo , alla prossima!