Un’immersione con gli scarponi in Val di Zoldo tra coralli e dinosauri

26 01 2014

Recentemente ho partecipato al mio primo blog tour: un avvincente viaggio nel tempo e nello spazio alla scoperta della Val di Zoldo e le sue tradizioni. E parlando di tempo, è stata l’occasione per fare un bel viaggio di famiglia, come non accadeva da molto.

Il monte Pelmo

Il monte Pelmo

Forno di Zoldo ci ha accolto con un timido sole che ci ha permesso di ammirare, anche se solo per poche ore, le splendide Dolomiti di Zoldo, talmente uniche che nel 2009 hanno meritato di essere iscritte al Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Scaricati i bagagli e disfatte le borse nelle nostre accoglienti camere dell’Hotel Garnì Posta, abbiamo seguito il suggerimento di Italo, proprietario dell’albergo, e siamo andati al passo Staulanza per godere fino in fondo dei bei panorami dolomitici poiché le previsioni promettevano (tanta) neve per il giorno seguente.
Così ho fatto conoscenza con il monte Civetta e sono rimasta affascinata dal monte Pelmo, custodi di “un mare di segreti”,

Emiliano spiega che siamo circondati dal mare

Emiliano spiega che siamo circondati dal mare

parte dei quali svelati il giorno seguente durante la ciaspolata in compagnia degli altri blogger e guidata da Emiliano Oddone, geologo che ha studiato a lungo questo territorio e ne narra l’evoluzione con una passione coinvolgente. È lui che durante una fitta nevicata, mentre affondiamo le “ciaspe” nella neve fresca per raggiungere il rifugio Carestiato sul Col dei Pass, ci racconta che 300 milioni di anni fa questo territorio era un tutt’uno con l’Africa e si trovava a latitudini equatoriali. Il distacco e la deriva dei continenti hanno provocato immensi cambiamenti: da montagne a pianure attraversate dai fiumi e in seguito ricoperte da un mare profondo dal quale è emerso un arcipelago di isole. In un baleno facciamo un viaggio spazio-temporale che farebbe sfigurare i protagonisti di “Star Trek” e ci ritroviamo circa 230 milioni di anni fa: la neve scompare per lasciare spazio a un meraviglioso mare tropicale ricco di barriere coralline e di isole. Il viaggio continua e dopo alcui milioni di anni questo territorio è divenuto irriconoscibile ed è abitato dei dinosauri. Torniamo nel presente e, causa visibilità praticamente nulla, non possiamo distinguere le tracce di quel passato che pure sarebbero evidenti a chi sa dove volgere lo sguardo. Pazienza.

Verso il Col dei Pass

Verso il Col dei Pass

Proseguiamo la nostra ciaspolata fino al rifugio all’esterno del quale ci accoglie un simpatico cane. Via le “ciaspe”, entriamo per toglierci di dosso le giacche così bagnate che, quando le avviciniamo alla stufa, dal tessuto si sollevano nuvole di vapore. Il profumo del pane fatto in casa e la vista dei salumi e dei formaggi locali presentati adorni di fiori colorati e commestibili sono un invito irresistibile, e non abbiamo ancora visto tutto quello che ancora hanno preparato per noi! Meno male che dopo la presentazione di Emiliano che coinvolge tutti quanti dobbiamo ripercorrere il sentiero in senso inverso e magari qualcosa smaltiamo.
Una giornata memorabile e vissuta intensamente attraverso tutti i sensi, con la mia prima ciaspolata in assoluto poiché, quando c’è tutta questa splendida neve, la mia preferenza va comunque a una bella discesa con gli sci di prima mattina, quando ancora nessuno ha lasciato le sue tracce sulla pista candida. Ma questa “immersione con gli scarponi” è stata un’esperienza davvero bella, che rifarei (assicurandomi di essere precedeuta da un certo numero di persone affinchè le ciaspe non affondino nella neve fresca) e che senza alcun dubbio consiglierei a chi ama la montagna e la natura.

Advertisements

Actions

Information

3 responses

28 01 2014
Denis Ferraretti

Precisa e molto chiara. Grazie del racconto. Un saluto a tutta la famiglia!

31 01 2014
edalmea

Grazie Denis. Un saluto anche a te da tutti noi 🙂

9 01 2017
Blog Tour in Val di Zoldo - Immersioni con gli Scarponi

[…] Un’immersione con gli scarponi in Val di Zoldo, tra coralli e dinosauri – di Edvige Meardi per Echoglobetrotter […]

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s




%d bloggers like this: